Rsa. Nessun decesso riconducibile al Covid-19 nella struttura di Sondrio

SONDRIO – In questi giorni, l’attenzione di tutti si sta spostando sempre di più sulla situazione legata alla gestione da parte delle Case di riposo dell’emergenza legata al diffondersi del Covid-19. Anche in Valtellina e Valchiavenna i numeri dei decessi degli ospiti all’interno delle Rsa diventano sempre più preoccupanti. Una situazione che, almeno per il momento, sembrerebbe essere meno grave all’interno della casa di riposo di Sondrio.

“Fortunatamente, ad oggi, non abbiamo ancora avuto decessi riconducibili al Covid-19 – spiega il presidente della Fondazione Onlus Casa di riposo città di Sondrio, Costantino Tornadù – in queste settimane stanno proseguendo i tamponi effettuati sugli ospiti, in modo da poter continuare ad isolare le persone positive rispetto alle altre”.

Attualmente gli ospiti della Rsa di Sondrio che sono risultati positivi al Coronavirus sono 22, su un totale di 35 tamponi effettuati. Nelle ultime settimana sono decedute due persone tra le mura della Casa di riposo del capoluogo di Provincia, una nel mese di marzo considerato fin da subito come non sospetto ed un’altra ad aprile. Per quest’ultima è stato anche effettuato un tampone che ha dato esito negativo.

“L’uso dei DPI è stato fatto seguendo le disposizioni che ci arrivavano – conclude Tornadù – adesso siamo abbastanza forniti da poter dare a tutti mascherine del tipo ffp2. Ci auguriamo che si riesca a procedere in questo modo, i numeri, per il momento, fanno ben sperare”.

G. M.