Rsa. Rifondazione: “Requisire le cliniche private per creare nuovi posti letto”

SONDRIO – La federazione di Sondrio di Rifondazione comunista interviene sulla situazione all’interno delle Rsa e sulla tutela degli ospiti delle stesse, arrivando a proporre anche la requisizione delle cliniche private per creare nuovi posti per la degenza dei malati.

“Anche i contagiati anziani hanno diritto ad adeguate cure in ospedale – scrivono – e se i posti in ospedale non ci sono, va ribadito che anche i pazienti nelle Rsa hanno diritto ad essere curati bene. I tamponi debbono essere fatti senza parsimonia, per permettere di separare i contagiati dai sani. Va attuato un piano immediato di isolamento dei contagiati e di verifica dei loro contatti. Se non c’è posto negli ospedali, per cure e isolamento si proceda alla requisizione di cliniche private (certo che è possibile, lo si fa in Spagna!!) e alberghi”.

Secondo la federazione provinciale del partito la situazione attuale sarebbe dovuta alla mancanza di un protocollo generale su come comportarsi in caso di contagi all’interno delle strutture. “È la tragica conseguenza – spiegano – del fatto che nelle Rsa non si è organizzato per tempo un serio piano di prevenzione e difesa dal contagio. Le case di riposo sono così diventate, come all’inizio della diffusione dell’epidemia i Pronto Soccorso di molti ospedali lombardi, luoghi del massimo pericolo, con la conseguenza prevedibile del più alto numero di morti”.

G. M.