Scuola dell’infanzia. Fratta: “Obiettivo garantire servizi educativi a tutti i bambini”

SONDRIO – A Sondrio, con la chiusura della scuola dell’infanzia ‘Maria Enrichetta Viganò’, crescono le preoccupazioni riguardo ai posti disponibili per il prossimo anno scolastico.

“Comprendiamo la decisione assunta dai Salesiani – sottolinea l’assessore all’istruzione Marcella Fratta – Purtroppo nella situazione venutasi a creare non sarebbe stata garantita la sostenibilità economica: capiamo la necessità dei Salesiani di aumentare le rette per sostenere le nuove spese ma anche l’impossibilità delle famiglie di sostenere i costi”

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Marco Scaramellini ha appurato che dei 75 bambini interessati dalla chiusura dell’istituto paritario una trentina di non residenti hanno già trovato una risposta presso i rispettivi comuni, mentre per i 45 sondriesi è emersa la disponibilità dell’Istituto Pio XII e della scuola paritaria che subentrerà nella gestione dell’Angelo Custode ad aprire nuove sezioni. Inoltre, il dirigente dell’Ust Fabio Molinari valuterà l’istituzione di un’ulteriore sezione in uno degli istituti comprensivi della città.

“Proseguiamo il confronto con le altre scuole paritarie cittadine e con l’Ufficio Scolastico Provinciale – conclude Fratta – il nostro obiettivo è quello di garantire i servizi educativi a tutti i bambini”.